Home » Blog » Alfredo R. 2

Alfredo R. 2

Ciao
la mia storia alcuni di voi già la conoscono, mi chiamo Alfredo Ruffo di Aversa in
Campania, sono malato ho un tumore maligno al cervello un angio-blastoma s.c.
Purtroppo non sto tanto bene, il tumore si sta ingrandendo ho spesso problemi, sonno,
perdite di sangue, ecc, ho smesso la cura di cort. da poco, pero continuo le altre
terapie, quindi credo sia normale, ma tutto ciò non mi abbatte, anzi mi da forza,
pronto a combattere tutto e tutti, in questi anni di cura ho creato una corazza di
forza e vita, ma tutto ciò e dovuto anche a delle persone che hanno segnato alcuni
passaggi della mia breve ma lunga vita di sofferenza.


Devo ringraziare questo link storie….. se mi sono aperto cosi tanto senza avere più
vergogna di essere malato, ho ricevuto tante email persone che mi hanno contattato
che mi hanno scritto delle righe d’amore, di aiuto.


In ogni luogo che vado la gente si comporta in modo diverso non più come prima, sono
contenti di vedermi, di giocare e non dicono più povero ragazzo, forse perché ho dato
loro una visione del malato diversa, vi ringrazio tutti davvero, le mie giornate forse
ora hanno un senso, verso le persone che combattono ed io forse per caso forse cosi
vuole Dio faccio da tramite alle sofferenze, vi dico solo questo dovete combattere non
vi fate mai sfuggire la vita dalle mani, forse ciò che ho scritto e un esame di coscienza
verso di me, per quel momento di calo morale fisico, insomma abbattimento totale
paura di cedere alla malattia.


Vorrei dire a Claudia, Laura, Elisabetta, Elisa, Bea, a don Franco Manzo, a Carmine
Rammairone, ai miei bambini della danza la kid’s club, alla mia famiglia, ai ragazzi
dell’igv, grazie, ognuno di voi mi ha dato un pezzo della vostra vita, siete persone da
ammirare, ognuno di voi mi ha dato il tempo di poter fare ciò che ho fatto.
Spero di poter scrivere ancora, avere la voglia di fare di più ,scrivetemi io sarò qui a
rispondere alle vostre domande, inserirò anche una mia foto cosi che possiate vedermi
e conoscermi, grazie Aitc.


Nelle foto Bea e Elisa grazie.